SANITA’ IN KENYA

L’accesso all’assistenza sanitaria e medica non è distribuito equamente in tutto il paese, così come il tasso di fertilità e il livello di istruzione. In generale, la Provincia Centrale e Nairobi si ritiene abbiano le migliori strutture, mentre la provincia nord-orientale si trova ad essere tra le zone più sottosviluppate. Se consideriamo Rumuruti nel distretto nella provincia della Rift Valley, i servizi sanitari come la maternità, dispensari e ospedali sono concentrate nei centri urbani e le persone devono viaggiare per lunghe distanze per accedervi. Il miglioramento attuale è che i bambini sotto i 5 anni non pagano per minori servizi medici

Secondo l’OMS, la malaria è un rischio che esiste in tutto il paese, tutto l’anno. Nel 2010, la malaria è la diagnosi più comune nelle cure, sia ambulatoriali che di ricovero. Aree come Mutara e Sosian nel distretto di Rumuruti sono state più colpite da questa epidemia fino a che campi sanitari sono stati istituiti in queste zone per aiutare coloro che soffrono di malaria. Tuttavia, vi sono normalmente pochi rischi nella città di Nairobi e sugli altopiani (oltre 2.500 m) dell’Europa centrale, orientale, Nyanza, Rift Valley e nelle province occidentali.

Le persone povere nelle aree rurali che sono ammalate e scelgono di cercare di farsi curare, di solito hanno solo la possibilità di trattamento presso le strutture di assistenza primaria. Queste strutture sono spesso sotto-organico, sotto attrezzate e hanno i farmaci in quantità limitate. A Rumuruti devono percorrere lunghe distanze a volte a piedi e altre con mezzi come le biciclette per raggiungere il centro di salute. Tra i kenioti che sono malati e non scelgono di farsi curare, il 44% è ostacolato da costi. Un altro 18% sono stati ostacolati dalla lunga distanza per l’impianto sanitario più vicino.

Ciò ha portato al fatto che molti bambini non sono vaccinati a causa della mancanza di accesso ai servizi sanitari. Finiscono per crescere con un’immunità debole e nei casi gravi questo porta alla morte. Molte nascite avvengono presso ostetriche locali e molte persone si affidano a erbe tradizionali per curare le malattie. Alcune di queste persone ma anche alcuni medici professionisti non hanno alcuna conoscenza riguardo agli alimenti e finiscono per causare morti che potrebbero essere evitate.

Il sotto-finanziamento del settore sanitario ha ridotto la sua capacità di garantire un adeguato livello di assistenza sanitaria per la popolazione. Così, la fornitura di servizi di assistenza sanitaria e medica in Kenya dipende in parte da volontari. Nel 2008, oltre il 16% della spesa totale per la sanità è stata coperta dai volontari. Ci sono anche altri fattori che inibiscono la capacità del Kenya nel fornire un’adeguata assistenza sanitaria ai suoi cittadini. Questi includono: l’utilizzo inefficiente delle risorse, l’aumento delle malattie e la rapida crescita della popolazione.

Colgo l’occasione per ringraziare l’Africa nel Cuore per il suo contributo nel miglioramento dei servizi sanitari nella mia regione. Questa associazione è in collaborazione con Dispensario Rumuruti cattolica i quali insieme hanno dato vita al Dispensario di Thome uno sforzo puramente merito di questa organizzazione. Tra gli altri elementi che hanno lavorato con l’ospedale governativo ci sono gli aiuti degli Stati Uniti e le ONG per elevare gli standard sanitari della regione e della nazione in generale.

Anche l’aspettativa di vita è anche in declino. Nel 2010, l’ aspettativa di vita per le donne era di 51 anni e di 50 anni per gli uomini. I dati ufficiali rilasciati nel gennaio 2007 hanno stimato che la popolazione del Kenya era di 36,1 milioni nel 2006. Il tasso di crescita della popolazione, tuttavia, era scesa da 2,82 per cento nel 2005 al 2,75 per cento nel 2006. Questo declino è in gran parte attribuita a morti per malattia e ai migliori metodi di pianificazione familiare. Questo dovrebbe diminuire ulteriormente a causa della crescente incidenza e prevalenza di HIV / AIDS. Nel 2006, il tasso di mortalità infantile era del 78 per 1.000.

I servizi sanitari sono forniti tramite una rete di oltre 4.700 strutture sanitarie nazionali, con il sistema di contabilità pubblica di settore per circa il 51% di questi impianti. Le cure di migliore qualità si trovano negli ospedali di riferimento nazionale, che rappresentano il vertice del sistema sanitario nel fornire diagnosi, servizi terapeutici e riabilitativi. I due ospedali pubblici di riferimento nazionali sono Kenyatta National Hospital di Nairobi e Moi Referral e Teaching Hospital a Eldoret. Gli ospedali privati ​​equivalenti di riferimento sono l’Ospedale di Nairobi e l’Aga Khan Hospital, sempre a Nairobi.

Questo presentazione del Kenya come nazione lascia molto a desiderare nel risultato conseguito riguardo allo stato di salute dei cittadini. E’ noto che gli ospedali privati ​​offrono servizi migliori di quelli governativi. Altri fondi vengono pompati per l’organizzazione sanitaria, ma la domanda continuerà ad aumentare fino a quando saremo costretti a ricorrere a sovvenzioni e prestiti anche solo per frenare queste richieste allarmanti. Attualmente abbiamo molti laureati, ambulatori privati ​​e ospedali che offrono servizi di qualità quindi se uno ha la possibilità di permettersi le spese economiche delle cure ha la possibilità di guarire. I meno fortunati si rivolgono agli ospedali governativi.

ANTONY KAMINDO

P.O BOX 49789- 00100

NAIROBI- KENYA

Lascia un commento